Official translation unavailable. Translate this page with Google:

Informazioni livello di prodotto

Richiede l’abbonamentoNiceLabel Cloud.

Per ulteriori informazioni sui trigger in generale, vedere la sezione I trigger.

Ulteriori informazioni su NiceLabel Label Cloud sono disponibili qui.

Il trigger cloud consente di integrare NiceLabel Cloud o Control Center on-premise con i sistemi aziendali esistenti in esecuzione nei cloud privati o nei data center dedicati. Se un sistema aziendale esistente (es.: SAP S/4HANA o Oracle NetSuite) produce un output, un’API ospitata nel cloud consente di inviare richieste HTTP al trigger cloud.

Il trigger cloud consente di stampare localmente delle etichette il cui contenuto ha origine nei sistemi di informazioni cloud. Poiché il trigger cloud in esecuzione sul server Automation locale utilizza metodi standard per accedere ai servizi basati su cloud, è possibile distribuire la stampa locale in modo sicuro e ottimizzando i tempi.

Il trigger cloud consente di integrare in modo sicuro e trasparente la stampa di etichette locale mediante le applicazioni che comunicano tramite Internet aperta.

Rispetto al trigger server HTTP, il trigger cloud non richiede l'apertura di porte in entrata sul firewall. Il trigger cloud utilizza un'API NiceLabel dedicata in esecuzione nel cloud. Per questo motivo il trigger richiede solo che siano aperte la porta in uscita 443 o le porte 9350-9354. Nella maggior parte dei casi, queste porte sono già aperte.

Quando si distribuisce il trigger cloud si hanno due opzioni:

Entrambe le opzioni sono uguali in termini di funzionalità offerte. Scegliere l'opzione preferita in base all'infrastruttura disponibile.

Distribuzione del trigger cloud con NiceLabel Cloud

Fasi di distribuzione per NiceLabel Cloud

Per attivare la stampa di etichette locali utilizzando il trigger cloud distribuito in NiceLabel Cloud, è necessario stabilire una cooperazione tra utenti con tre ruoli: un utente che configura il trigger cloud sul server locale Automation (sviluppatore), un utente che imposta il trigger cloud in NiceLabel Cloud e un utente che effettua l'abbonamento al Portale dello sviluppatore.

UUID-4a7834ab-e9e3-d7ac-d0fd-c550f1520e0e.png
  1. Lo sviluppatore configura e distribuisce la configurazione del trigger cloud sul server Automation locale usando Automation Builder e Automation Manager.

    Nota

    NiceLabel Automation deve aver eseguito l’accesso a NiceLabel Cloud.

  2. L’amministratore NiceLabel Cloud concede all’integratore esterno l’accesso al trigger cloud in Control Center. Al termine, l’amministratore NiceLabel Cloud invia all’integratore esterno la chiave di integratore corrispondente.

  3. L’integratore esterno si unisce al portale dello sviluppatore per mettere insieme il sistema aziendale del cliente e NiceLabel Cloud.

    Nota

    Il portale dello sviluppatore ospita l’API dedicata chiamata Trigger cloud. Questa API serve come punto di interconnessione tra gli eventi che si verificano nel sistema aziendale del cliente e la configurazione Automation in esecuzione localmente.

    Nota

    La parola "esterno" significa che il ruolo di questo utente consiste nell'abbonarsi al portale dello sviluppatore. L'abbonamento creato autentica l'integratore. Gli integratori esterni non sono necessariamente collaboratori esterni. Possono essere integratori interni che appartengono al team di sviluppo dell'azienda.

    L'integratore esterno esegue le seguenti azioni sul portale dello sviluppatore:

    1. Accesso al portale dello sviluppatore. Prima del primo accesso, l'integratore deve anche completare la procedura di iscrizione.

    2. Creazione di un abbonamento per l’API del trigger cloud.

    3. Collegamento dell’abbonamento con la chiave di integratore. In questo modo l'abbonamento ottiene l'accesso ai trigger del cloud del cliente.

      Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Impostazione dell'NiceLabel CloudAPI sul portale dello sviluppatore.

Configurazione del trigger cloud in Automation Builder

Questa sezione descrive come configurare il trigger cloud in Automation in esecuzione sul server locale.

  1. Aprire Automation Builder. Assicurarsi che Automation Builder abbia eseguito l’accesso a NiceLabel Cloud. Passare a File > Informazioni su > NiceLabel Cloudper confermare di aver eseguito l’accesso.

  2. Si apre la scheda Elementi di configurazione. Fare clic su Trigger cloud per creare una nuova configurazione per il trigger cloud.

  3. Impostare Nome e Descrizione per facilitare il reperimento del trigger tra gli altri trigger.

  4. Definire le impostazioni del trigger Comunicazione:

    • Definire l’Identificativo univoco. Dopo aver distribuito il trigger, questo identificativo univoco è necessario per richiamare il trigger.

      Se si sta eseguendo la configurazione del trigger cloud su più computer, è necessario assicurarsi che ciascun computer utilizzi automaticamente il proprio identificativo univoco. Per evitare duplicati indesiderati, inserire le variabili interne nell'ambito dell'identificativo univoco. A tal fine è possibile usare due variabili interne:

      • ComputerName: il nome del computer sul quale è in esecuzione la configurazione.

      • SystemUserName: il nome utente Windows dell'utente connesso correntemente.

      Per inserire variabili interne nell'identificativo univoco, fare clic su Inserisci origine dati e selezionare le variabili interne.

      UUID-7905238a-2b2d-69c4-9856-247bdcb0320c.png
    • Attendi la fine dell'esecuzione del trigger: il protocollo HTTP richiede che un destinatario (in questo caso, NiceLabel Automation), invii una risposta numerica al mittente, indicando lo stato del messaggio ricevuto. Per impostazione predefinita, NiceLabel Automation risponde con il codice 200. Ciò indica che Automation ha ricevuto con successo i dati, ma non fornisce alcuna informazione sul successo delle azioni del trigger.

      Questa opzione specifica che un trigger non invia immediatamente una risposta dopo aver ricevuto i dati, ma attende l’esecuzione di tutte le azioni. Dopodiché, invia il codice di risposta indicando l’esecuzione corretta di un’azione. Con questa opzione attivata, è possibile rimandare indietro un tipo di risposta e i dati personalizzati (es.: la risposta a una richiesta HTTP è l'anteprima dell'etichetta in formato PDF).

      Con il trigger cloud, i codici di risposta HTTP standard di Automation incorporati sono:

      Codice di risposta HTTP

      Descrizione

      200

      Tutte le azioni eseguite con successo.

      500

      Si sono verificati degli errori durante l'esecuzione dell'azione.

      Nota

      Per inviare feedback a Automation sul processo di stampa, attivare la modalità di stampa sincrona. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Modalità di stampa sincrona.

    • Tipo di risposta: Specifica il tipo di messaggio di risposta. I tipi di supporti Internet usati di frequente noti anche come tipi di MIME o di contenuto) sono predefiniti nella casella a discesa. Se il tipo di supporto non è disponibile nell'elenco, digitarlo. Automation invia di dati di risposta in uscita come feedback, formattato nel tipo di supporto definito. Variabile consente di usare i tipi di supporto variabili. Se è attivata, selezionare o creare una variabile contenente il tipo di supporto.

      Nota

      Se non si specifica il tipo di contenuto, NiceLabel Automation usa application/octet-stream come contenuto predefinito.

    • Dati di risposta: definisce il contenuto del messaggio di risposta. Esempi di ciò che si può rimandare indietro come risposta HTTP: messaggi di errore personalizzati, anteprime dell'etichetta, file PDF generati, file del flusso di stampa (spooling), file XML con informazioni del motore di stampa, più l'anteprima dell'etichetta (codificata come stringa Base64).

      Se si genera contenuto solo binario (come anteprima di etichetta o flusso di stampa), assicurarsi di selezionare un tipo di supporto supportato, ad esempio image/jpeg o application/octet-stream.

    • Intestazioni aggiuntive: Consentono di definire impostazioni MIME personalizzate per il messaggio di risposta HTTP.

      La sintassi e gli esempi di intestazione di risposta sono disponibili nella sezione dell'azione Richiesta HTTP.

      Suggerimento

      Con i dati della risposta e le intestazione aggiuntive è possibile usare contenuto fisso, una miscela di contenuto fisso e variabile oppure solo contenuto variabile. Per inserire contenuto variabile, fare clic sul pulsante con la freccia a destra dell'area dei dati e inserire una variabile dall'elenco. È inoltre possibile creare una nuova variabile che contiene i dati che si desidera utilizzare. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Uso di valori composti.

  5. Distribuire e avviare il trigger in Automation Manager. Ora il trigger cloud monitora le richieste in entrata.

Nota

Se la configurazione richiede una maggiore disponibilità e scalabilità è possibile distribuire più trigger cloud identici. A tal fine, installare più istanze di Automation e distribuire i trigger cloud su di esse. Se i trigger cloud utilizzati condividono lo stesso identificativo univoco, il bilanciatore di carico incorporato in NiceLabel Cloud distribuisce automaticamente il carico del traffico tra di essi.

Impostazione dell’accesso al trigger cloud per l’integratore esterno.

Nota

Per impostare l'accesso dell'integratore al trigger cloud è necessario avere il privilegio di integrazione Gestisci cloud nel cloud Control Center. Per ulteriori informazioni sulla gestione dei privilegi dell’utente, vedere la Guida dell’utente di Control Center.

  1. Passare a Control Center nel cloud. Aprire il browser Web e digitare:

    https://<yourlabelcloudname>.onnicelabel.com/dashboard.
  2. Passare a Integrazioni > Integrazioni cloud.

  3. Fare clic su +Aggiungi. Verrà aperta la pagina Aggiungi nuovo accesso per integratore.

  4. Digitare il Nome dell’integratore che si sta aggiungendo.

    UUID-48984233-2f5c-3b15-04d2-a284439f7360.png
  5. Copiare la Chiave.

  6. Fare clic su Salva.

  7. Rivolgere l’integratore esterno verso il portale dello sviluppatore. Inviare le seguenti informazioni all'integratore esterno:

    • Collegare all'NiceLabel CloudAPI: https://developerportal.onnicelabel.com/

    • La chiave dell'integratore (vedere il passaggio 5).

    • L’identificativo univoco del trigger. È possibile trovare l’identificativo univoco nelle impostazioni di configurazione di Automation nel trigger cloud (vedere il passaggio 4 nella sezione .) Configurazione del trigger cloud in Automation Builder.

    Nota

    L'integratore esterno ha bisogno della chiave per autenticarsi e richiamare il trigger cloud del cliente.

Nota

Per ulteriori informazioni, leggere la sezione Trigger cloud della Guida dell’utente di Control Center.

Creazione dell'abbonamento sul portale dello sviluppatore

Dopo aver ricevuto le informazioni necessarie dall'amministratore di NiceLabel Cloud, l'integratore esterno deve prima iscriversi al portale dello sviluppatore e creare abbonamenti (per ciascun cliente) per richiamare i trigger. I richiami dei trigger hanno origine dai sistemi informativi basati sul client dei clienti.

Nota

Se nella posta in arrivo non è presente il portale dello sviluppatore, controllare la cartella della posta indesiderata.

Nota

I clienti sono aziende che eseguono configurazioni dei trigger cloud, i quali ricevono i dati dai sistemi informativi esterni.

Nota

Ciascun integratore può richiamare più trigger cloud usando un singolo abbonamento.

  1. Aprire il browser e passare a https://developerportal.onnicelabel.com/

  2. Per completare la procedura di registrazione, seguire le istruzioni sullo schermo. Dopo aver fatto clic su Iscriviti, si riceverà un’e-mail di conferma. Fare clic sul collegamento di conferma per attivare l’account del portale dello sviluppatore.

  3. Aprire la scheda Prodotti e fare clic su Cloud etichetta. La pagina che si apre contiene le API e gli abbonamenti esistenti.

  4. Fare clic su Aggiungi abbonamento. Si apre la pagina di iscrizione al prodotto.

    Nota

    È possibile creare più abbonamenti. Tuttavia, per ogni singolo cliente è possibile usare un solo abbonamento. Per questo motivo NiceLabel consiglia di includere il nome del cliente al nome dell’abbonamento, come Cloud Trigger Example Customer.

  5. Digitare il nome dell’abbonamento.

  6. Fare clic su Conferma. Il nuovo abbonamento creato si rende disponibile in Prodotti > Cloud etichetta.

  7. Una volta tornati nella pagina Cloud etichetta, fare clic su Developer Sign Up API v1.

  8. Fare clic su Provalo. Si apre la pagina API.

    UUID-233e0250-4199-27da-0968-e7275329f997.png
  9. Inserire la chiave dell'integratore dal cloud del cliente Control Center.

  10. Fare clic su Invia.

    • La risposta è: Subscription <your subscription key> successfully associated with integrator key <integrator key value>.

    Nota

    Si è ricevuta la chiave di integratore dall’amministratore di NiceLabel Cloud. La chiave ha questo aspetto: 979d7be5df2b473193ac5519f94cd901

    Esempio 26. Esempio

    Quando si trasmette la chiave di integratore come parametro di query, l’URL ha questo aspetto: https://labelcloudapi.onnicelabel.com/SignUpApi/DeveloperSignup?integratorKey=979d7be5df2b473193ac5519f94cd901.


    Dopo aver effettuato questa chiamata usando l’URL come mostrato nell'esempio, l’operazione DeveloperSignup corrisponde all’abbonamento con il cliente assegnato. Questo è il modo in cui l’integratore si autentica quando richiama il trigger cloud in esecuzione nell'Automation del cliente.

    Gli abbonamenti connessi sono visibili anche nel cloud Control Center. Controllare se l'integratore esterno ha connesso la propria iscrizione in Integrazioni > Integrazioni Cloud. L'integrazione cloud dovrebbe avere lo stato Sviluppatore [nome, indirizzo e-mail] sottoscritto.

Richiamare il trigger cloud (distribuzione di NiceLabel Cloud)

Questo passaggio fa sì che gli output dei sistemi aziendali esterni eseguano con successo i trigger cloud che vengono eseguiti localmente. Questa è la funzione dell’operazione CloudTrigger. Nell’URL della chiamata, specificare il nome del trigger che si sta chiamando.

Per richiamare un trigger con l’identificativo univoco MyCloudTrigger, usare questo URL:

https://labelcloudapi.onnicelabel.com/TriggerApi/CloudTrigger/MyCloudTrigger

Per ogni evento (output) nel sistema aziendale esterno, richiamare l'URL come mostrato nell'esempio. Ciascuna chiamata esegue il trigger cloud in esecuzione sul server Automation locale.

Tutte le chiamate API devono includere queste due intestazioni:

  • Api-Version è la versione dell’API in uso. Attualmente, l’unica versione di API disponibile è v1.

  • Ocp-Apim-Subscription-Key è la chiave che identifica l’abbonamento.

Test delle chiamate CloudTrigger

Per familiarizzarsi con il modo in cui CloudTrigger richiama il lavoro, il portale dello sviluppatore consente di provare le chiamate.

Prima di poter provare la chiamata è necessario impostare una configurazione Automation in esecuzione.

  1. Aprire il portale dello sviluppatore, quindi la scheda Prodotti e fare clic su Cloud etichetta.

  2. Selezionare Cloud Trigger API v1.

  3. Creare un esempio per i metodi GET o POST. Fare clic sul collegamento appropriato.

    • Dopo aver effettuato la selezione del metodo, fare clic su Provalo. Si apre una nuova pagina. Il triggerID è già aggiunto in Parametri query.

    • Nel campo Valore copiare e incollare il triggerID ricevuto dallo sviluppatore della configurazione Automation. Questo è l’identificativo univoco del trigger. L'identificativo univoco è disponibile inAutomation Builder> Trigger Impostazioni > Generali.

      UUID-b2a4eb67-50bc-91d5-4b8c-709a50ee1587.png
  4. In Autorizzazione, selezionare la chiave di abbonamento. Poiché è già stato definito almeno un abbonamento, l'elenco a discesa contiene già la chiave per l'abbonamento definito. Selezionare questa chiave: principale o secondaria.

  5. Fare clic su Invia.

    • Stato risposta è 200 OK.

Controllare velocemente se il trigger cloud funziona

Dopo aver impostato l'NiceLabel CloudAPI sul portale dello sviluppatore è possibile eseguire una semplice configurazione in Automation Builder per controllare se il trigger cloud funziona correttamente. Se il trigger funziona viene visualizzato un messaggio di conferma del corretto funzionamento nella pagina API trigger cloud, dopo aver fatto clic su Provalo.

  1. Aprire Automation Builder e creare una nuova configurazione. Assicurarsi che Automation Manager sia connesso a NiceLabel Cloud.

  2. Aggiungere un nuovo Trigger cloud.

  3. Definire Nome e Descrizione e impostare l'identificativo univoco. In questo caso, usiamo l'TestCloudTrigger identificativo univoco.

  4. Attivare Attendere il completamento dell'esecuzione del trigger. Questo consente di rilevare le risposte del trigger.

    • Selezionare testo/normale come Tipo di risposta.

    • Definire i Dati di risposta. Se il trigger funziona si riceveranno i seguenti dati. Usiamo la stringa seguente: “Trigger works ok.”

    • Definire le Intestazioni aggiuntive. Usare il Heading:Value formato.

  5. Distribuire la configurazione.

  6. Aprire il portale dello sviluppatore e passare alla pagina Cloud Trigger API v1.

  7. Fare clic su Provalo.

  8. Incollare TestCloudTrigger nel campo triggerID. Fare clic su Invia.

    • Il contenuto della risposta include la conferma: “Trigger works ok.”

      UUID-7a2db5bb-633b-5b19-e8f2-16e863b1d8b3.png

Distribuzione del trigger cloud con Control Center on-premise

Configurazione del trigger cloud in Automation Builder

Questa sezione descrive come configurare il trigger cloud in Automation in esecuzione sul server locale.

Aprire Automation Builder. Assicurarsi che Automation Builder sia associato a Control Center. Per controllare, passare a File > Opzioni > Control Center e vedere se l'indirizzo URL di Control Center è presente.

Nota

"Associato" Automation Builder e Control Center significa anche che entrambe le applicazioni usano la stessa chiave di licenza.

Si apre la scheda Elementi di configurazione. Fare clic su Trigger cloud per creare una nuova configurazione per il trigger cloud.

Generale scheda
  1. Impostare Nome e Descrizione per facilitare il reperimento del trigger tra gli altri trigger.

  2. Definire le impostazioni del trigger Comunicazione:

    • Definire l’Identificativo univoco. Dopo aver distribuito il trigger, questo identificativo univoco lo registra in Control Center. Usare solo caratteri alfanumerici. I caratteri speciali non sono consentiti.

      Se si sta eseguendo la configurazione del trigger cloud su più computer, è necessario assicurarsi che ciascun computer utilizzi automaticamente il proprio identificativo univoco. Per evitare duplicati indesiderati, inserire le variabili interne nell'ambito dell'identificativo univoco. A tal fine è possibile usare due variabili interne:

      • ComputerName: il nome del computer sul quale è in esecuzione la configurazione.

      • SystemUserName: il nome utente Windows dell'utente connesso correntemente.

      Per inserire variabili interne nell'identificativo univoco, fare clic su Inserisci origine dati e selezionare le variabili interne.

      UUID-7905238a-2b2d-69c4-9856-247bdcb0320c.png
    • Attendi la fine dell'esecuzione del trigger: il protocollo HTTP richiede che un destinatario (in questo caso, NiceLabel Automation), invii una risposta numerica al mittente, indicando lo stato del messaggio ricevuto. Per impostazione predefinita, NiceLabel Automation risponde con il codice 200. Ciò indica che Automation ha ricevuto con successo i dati, ma non fornisce alcuna informazione sul successo delle azioni del trigger.

      Questa opzione specifica che un trigger non invia immediatamente una risposta dopo aver ricevuto i dati, ma attende l’esecuzione di tutte le azioni. Dopodiché, invia il codice di risposta indicando l’esecuzione corretta di un’azione. Con questa opzione attivata, è possibile rimandare indietro un tipo di risposta e i dati personalizzati (es.: la risposta a una richiesta HTTP è l'anteprima dell'etichetta in formato PDF).

      Con il trigger cloud, i codici di risposta HTTP standard di Automation incorporati sono:

      Codice di risposta HTTP

      Descrizione

      200

      Tutte le azioni eseguite con successo.

      400

      Nessuna configurazione disponibile.

      500

      Si sono verificati degli errori durante l'esecuzione dell'azione.

      Nota

      Per inviare feedback a Automation sul processo di stampa, attivare la modalità di stampa sincrona. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Modalità di stampa sincrona.

    • Tipo di risposta: Specifica il tipo di messaggio di risposta. I tipi di supporti Internet usati di frequente noti anche come tipi di MIME o di contenuto) sono predefiniti nella casella a discesa. Se il tipo di supporto non è disponibile nell'elenco, digitarlo. Automation invia di dati di risposta in uscita come feedback, formattato nel tipo di supporto definito. Variabile consente di usare i tipi di supporto variabili. Se è attivata, selezionare o creare una variabile contenente il tipo di supporto.

      Nota

      Se non si specifica il tipo di contenuto, NiceLabel Automation usa application/octet-stream come contenuto predefinito.

    • Dati di risposta: definisce il contenuto del messaggio di risposta. Esempi di ciò che si può rimandare indietro come risposta HTTP: messaggi di errore personalizzati, anteprime dell'etichetta, file PDF generati, file del flusso di stampa (spooling), file XML con informazioni del motore di stampa, più l'anteprima dell'etichetta (codificata come stringa Base64).

      Se si genera contenuto solo binario (come anteprima di etichetta o flusso di stampa), assicurarsi di selezionare un tipo di supporto supportato, ad esempio image/jpeg o application/octet-stream.

    • Intestazioni aggiuntive: Consentono di definire impostazioni MIME personalizzate per il messaggio di risposta HTTP.

      La sintassi e gli esempi di intestazione di risposta sono disponibili nella sezione dell'azione Richiesta HTTP.

      Suggerimento

      Con i dati della risposta e le intestazione aggiuntive è possibile usare contenuto fisso, una miscela di contenuto fisso e variabile oppure solo contenuto variabile. Per inserire contenuto variabile, fare clic sul pulsante con la freccia a destra dell'area dei dati e inserire una variabile dall'elenco. È inoltre possibile creare una nuova variabile che contiene i dati che si desidera utilizzare. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Uso di valori composti.

Altro scheda

Le opzioni nella sezione Feedback dal motore di stampa specificano i parametri di comunicazione che consentono di ricevere feedback dal motore di stampa.

  • Stampa supervisionata: attiva la modalità di stampa sincrona. Usarla ogni volta che si desidera reinviare lo stato del processo di stampa all'applicazione di terzi. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Modalità di stampa sincrona.

Le opzioni nella sezione Elaborazione dati specificano se si desidera tagliare i dati in modo tale che si inseriscano in una variabile, oppure ignorare le variabili di etichetta mancanti. Per impostazione predefinita, segnala gli errori e interrompe il processo di stampa se si tenta di conservare valori troppo a lungo nelle variabili di etichetta oppure di impostare valori per variabili di etichetta inesistenti.

  • Ignora contenuti di variabili eccessivi: tronca i valori dei dati che superano la lunghezza della variabile come definito nel progettista di etichette per renderli idonei. Questa opzione è attiva se i valori delle variabili vengono impostati nei filtri, dai file di comando e quando vengono impostati i valori delle variabili di trigger sulle variabili di etichetta con lo stesso nome.

    Esempio 27. Esempio

    La variabile di etichetta accetta al massimo 5 caratteri. Con questa opzione attivata, qualsiasi valore superiore a 5 caratteri viene troncato ai primi 5 caratteri. Se il valore è 1234567 ignora le cifre 6 e 7.


  • Ignora le variabili dell'etichetta mancanti: quando si stampa con i file di comando (come il file JOB), il processo di stampa ignora tutte le variabili che sono:

    • specificati nel file di comando (usando il comando SET)

    • non definiti sull'etichetta

    Lo stesso accade se si definisce l'area di assegnazione in un filtro per estrarre tutte le coppie name-value, ma l'etichetta contiene meno variabili.

    Quando si impostano i valori di variabili di etichetta inesistenti, segnala un errore. Se questa opzione è attivata, la stampa continua.

Le opzioni nella sezione Scripting specificano le possibilità di esecuzione di script.

  • Linguaggio di script: seleziona il linguaggio di script per il trigger. Tutte le azioni Esegui script usate all'interno di un singolo trigger usano il linguaggio di script selezionato.

Le opzioni presenti nella sezione Salva dati ricevuti specificano i comandi disponibili per i dati ricevuti dal trigger.

  • Salva su file i dati ricevuti dal trigger: Attivare questa opzione per salvare i dati ricevuti dal trigger. L'opzione Variabile consente di usare il nome di file di variabile. Selezionare una variabile contenente il percorso e il nome del file.

  • Quando si verifica un errore, salva su file i dati ricevuti dal trigger: attivare questa opzione per salvare i dati nel trigger solo se si verifica un errore durante l'esecuzione dell'azione. Potrebbe essere opportuno attivare questa opzione per tenere pronti i dati alla risoluzione dei problemi.

    Nota

    Assicurarsi di attivare il supporto di stampa supervisionato. In caso contrario, non può rilevare errori durante l’esecuzione. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Modalità di stampa sincrona.

    Nota

    salva i dati ricevuti in un file temporaneo. Questo file temporaneo viene eliminato subito dopo il completamento dell'esecuzione del trigger. La variabile interna DataFileName fa riferimento al nome di tale file. Per ulteriori informazioni, vedere l'argomento Variabili interne.

Sicurezza scheda
  • Blocca e crittografa il trigger: abilita la protezione del trigger. Se lo si abilita, il trigger si blocca e non è più possibile modificarlo. In tal modo, le azioni vengono crittografate. Solo gli utenti con password possono sbloccare il trigger e modificarlo.

Trigger iniziale

Distribuire e avviare il trigger in Automation Manager. Ora il trigger cloud monitora le richieste in entrata.

Nota

Se la configurazione richiede una maggiore disponibilità e scalabilità è possibile distribuire più trigger cloud identici. A tal fine, installare più istanze di Automation e distribuire i trigger cloud su di esse. Se i trigger cloud utilizzati condividono lo stesso identificativo univoco, il bilanciatore di carico incorporato in NiceLabel Cloud distribuisce automaticamente il carico del traffico tra di essi.

Richiamo del trigger cloud (distribuzione on-premise)

Questo passaggio fa sì che gli output dei sistemi aziendali esterni eseguano con successo i trigger cloud che vengono eseguiti localmente. Questa è la funzione dell’operazione CloudTrigger. Nell’URL della chiamata, specificare il nome del trigger che si sta chiamando.

Per richiamare il trigger con l’identificativo univoco MyCloudTrigger, richiamare questo URL:

https://<YourServerName>/epm/api/trigger/<MyCloudTriggerID>

Nota

L'URL potrebbe iniziare con "http" o con "https", a seconda di come si configura Control Center durante l'installazione. Per ulteriori informazioni, vedere la guida di installazione di Control Center, sezione relativa all'impostazione del sito Web e all'archiviazione.

Per ogni evento (output) nel sistema aziendale esterno, richiamare l'URL come mostrato nell'esempio. Ciascuna chiamata esegue il trigger cloud in esecuzione sul server Automation locale.

Tutte le chiamate devono includere l'intestazione denominata chiave integratore.

Esempio 28. Esempio

chiave integratore: 9d59d7d444da412b8acfb488a01bb632