Official translation unavailable. Translate this page with Google:

Ottieni informazioni sull'etichetta

Informazioni livello di prodotto

Automation Builder caratteristiche richiedono LMS Enterprise o NiceLabel Cloud Business licenza.

Questa azione restituisce le informazioni strutturali sul file di etichetta associato. Essa fornisce le informazioni sulle dimensioni dell'etichetta e il driver della stampante ed elenca tutte le variabili di etichette e le loro proprietà principali.

L'azione Ottieni informazioni sull'etichetta restituisce le informazioni originali così come esse vengono salvate nel file di etichetta. Inoltre, fornisce informazioni dopo che è stato simulato il processo di stampa. La simulazione fa sì che tutte le variabili di etichetta ottengano il valore come avrebbero fatto durante una stampa normale. Inoltre, le informazioni sull'altezza dell'etichetta forniscono le dimensioni corrette nel caso in cui l'etichetta sia stata definita come etichetta ad altezza variabile (in questo caso, le dimensioni dell'etichetta dipendono dalla quantità di dati da stampare). L'azione restituisce le dimensioni per le dimensioni di un'etichetta, non per un formato pagina.

L'azione salva le informazioni sulla struttura dell'etichetta in una variabile selezionata. Dopodiché, è possibile reinviare i dati al sistema usando l'azione Richiesta HTTP (o un'azione di connettività ai dati in uscita simile) oppure rimandarli nella risposta del trigger, se il trigger è bidirezionale.

UUID-3c296fd4-f620-5bd8-9b6e-cbac77453a14.png

Nota

L'azione deve essere nidificata sotto l'azione Apri etichetta.

Il gruppo Variabile seleziona o crea una variabile che memorizza le informazioni strutturali su un'etichetta.

  • Nome: specifica il nome della variabile. Selezionare o creare una variabile che memorizza le informazioni sull'etichetta in formato XML.

    • Se si desidera usare le informazioni XML all'interno di questo trigger, è possibile definirle ed eseguirle con l'azione Usa filtro dati (solo Automation Builder).

    • Se si desidera restituire i dati XML in risposta al trigger HTTP o Servizio Web, usare questa variabile direttamente nel campo Dati di risposta della pagina di configurazione del trigger.

    • Se si desidera salvare i dati XML su un file, usare l'azione Salva dati su file.

Il gruppo Impostazioni aggiuntive consente di attivare l'uso di valori provvisori.

  • Usa valori temporanei: sostituisce i valori dell'origine dati mancanti con valori provvisori.

Suggerimento

Per una descrizione dettagliata dei valori provvisori, vedere la sezione Variabile nella guida dell'utente di NiceLabel 10 Designer.

XML delle informazioni sull'etichetta di esempio

L'esempio seguente illustra la vista strutturale degli elementi dell'etichetta e i relativi attributi, quando questi vengono restituiti.

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<Label>
    <Original>
        <Width>25000</Width>
        <Height>179670</Height>
        <PrinterName>QLS 3001 Xe</Printer>
    </Original>
    <Current>
        <Width>25000</Width>
        <Height>15120</Height>
        <PrinterName>QLS 3001 Xe</Printer>
    </Current>
    <Variables>
        <Variable>
            <Name>barcode</Name>
            <Description></Description>
            <DefaultValue></DefaultValue>
            <Format>All</Format>
            <CurrentValue></CurrentValue>
            <IncrementType>None</IncrementType>
            <IncrementStep>0</IncrementStep>
            <IncrementCount>0</IncrementCount>
            <Length>100</Length>
        </Variable>
    </Variables>
</Format>

Specifica XML delle informazioni sull'etichetta

Questa sezione contiene una descrizione della struttura di file XML restituita dall'azione Ottieni informazioni sull'etichetta.

Nota

Tutti i valori di misurazione sono espressi in unità 1/1000 mm. Ad esempio, la larghezza di 25000 è pari a 25 mm.

  • <Label>: questo è un elemento principale.

  • <Original>: specifica le dimensioni dell'etichetta e il nome della stampante memorizzati nel file di etichetta.

    • Width: questo elemento contiene la larghezza dell'etichetta originale.

    • Height: questo elemento contiene l'altezza dell'etichetta originale.

    • PrinterName: questo elemento contiene il nome della stampante per il quale l'etichetta è stata creata.

  • Current: specifica le dimensioni dell'etichetta e il nome della stampante dopo il completamento della stampa simulata.

    • Width: questo elemento contiene la larghezza effettiva dell'etichetta.

    • Height: questo elemento contiene l'altezza effettiva dell'etichetta. Se un'etichetta è definita come etichetta ad altezza variabile, può crescere insieme agli oggetti etichetta. Ad esempio, le dimensioni degli oggetti Casella di testo e RTF possono aumentare in direzione verticale e determinare anche l'espansione dell'etichetta.

    • PrinterName: questo elemento contiene il nome della stampante che verrà usata per la stampa.

      Esempio 76. Esempio

      Verrà usata una stampante diversa da quella originale qualora il driver stampante originale non sia installato in questo computer, oppure se la stampante è stata cambiata mediante l'azione Imposta stampante.


  • <Variables> e <Variable>: l'elemento Variables contiene l'elenco di tutte le variabili dell'etichetta di richiesta, definite in un elemento Variable separato. Le variabili di richiesta sono quelle elencate nella finestra di dialogo Stampa al momento della stampa dell'etichetta da NiceLabel 10 . Se nell'etichetta non sono definite variabili di richiesta, l'elemento Variables è vuoto.

    • Name: contiene il nome della variabile.

    • Description: contiene la descrizione della variabile.

    • DefaultValue: contiene il valore predefinito definito per la variabile durante il processo di progettazione dell'etichetta.

    • Format: contiene il tipo accettabile di contenuto della variabile (caratteri).

    • IsPrompted: contiene le informazioni sul fatto che la variabile sia richiesta o meno al momento della stampa.

    • PromptText: contiene testo che richiede all'utente l'immissione di un valore.

    • CurrentValue: contiene il valore effettivamente utilizzato per la stampa.

    • IncrementType: contiene informazioni in merito al fatto che la variabile sia definita o meno come contatore. Se è identificato come contatore, indica di che tipo di contatore si tratta.

    • IncrementStep: contiene le informazioni sul passo del contatore. Il valore del contatore aumenta/diminuisce per questo valore nell'etichetta successiva.

    • IncrementCount: contiene informazioni sul punto in cui valore del contatore aumenta/diminuisce. Di solito, il contatore cambia valore su ciascuna etichetta, ma, esso può essere modificato.

    • Length: contiene il numero massimo di caratteri memorizzati in una variabile.

    • IsPickListEnabled: contiene informazioni in merito al fatto che l'utente selezioni o meno i valori variabili da una lista prelievi.

    • PickListValues: contiene i valori effettivi (selezionabili) della lista prelievi.

Definizione dello schema XML (XSD) per l'XML della specifica dell'etichetta

<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?>
<xs:schema id="Format" xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/XMLSchema">
    <xs:element name="Label">
        <xs:complexType>
            <xs:all>
                <xs:element name="Original">
                    <xs:complexType>
                        <xs:sequence>
                            <xs:element name="Width" type="xs:decimal" minOccurs="1" />
                            <xs:element name="Height" type="xs:decimal" minOccurs="1" />
                            <xs:element name="PrinterName" type="xs:string" minOccurs="1" />
                        </xs:sequence>
                    </xs:complexType>
                </xs:element>
                <xs:element name="Current">
                    <xs:complexType>
                        <xs:sequence>
                            <xs:element name="Width" type="xs:decimal" minOccurs="1" />
                            <xs:element name="Height" type="xs:decimal" minOccurs="1" />
                            <xs:element name="PrinterName" type="xs:string" minOccurs="1" />
                        </xs:sequence>
                    </xs:complexType>
                </xs:element>
                <xs:element name="Variables">
                    <xs:complexType>
                        <xs:sequence>
                            <xs:element name="Variable" minOccurs="0" maxOccurs="unbounded">
                                <xs:complexType>
                                    <xs:sequence>
                                        <xs:element name="Name" type="xs:string" minOccurs="1" />
                                        <xs:element name="Description" type="xs:string" minOccurs="1" />
                                        <xs:element name="DefaultValue" type="xs:string" minOccurs="1" />
                                        <xs:element name="Format" type="xs:string" minOccurs="1" />
                                        <xs:element name="CurrentValue" type="xs:string" minOccurs="1" />
                                        <xs:element name="IncrementType" type="xs:string" minOccurs="1" />
                                        <xs:element name="IncrementStep" type="xs:integer" minOccurs="1" />
                                        <xs:element name="IncrementCount" type="xs:integer" minOccurs="1" />
                                        <xs:element name="Length" type="xs:string" minOccurs="1" />
                                    </xs:sequence>
                                </xs:complexType>
                            </xs:element>
                        </xs:sequence>
                    </xs:complexType>
                </xs:element>
            </xs:all>
        </xs:complexType>
    </xs:element>
</xs:schema>

Esegui script

Questa azione migliora la funzionalità del software usando gli script personalizzati VBScript o Python. Usare questa funzione se le azioni incorporate non soddisfano i requisiti di manipolazione dei dati.

Gli script possono includere le variabili del trigger, sia le variabili interne che le variabili definite o importate dalle etichette.

Assicurarsi che l'account Windows sotto il quale viene eseguito il servizio disponga dei privilegi per eseguire i comandi nello script.

UUID-e36abc17-1182-c0fa-0701-0e264b68bed8.png

Nota

Il tipo di script è configurato per il trigger presente nelle proprietà del trigger. Tutte le azioni Esegui script all'interno di un singolo trigger devono essere dello stesso tipo.

L'editor Script dispone delle seguenti funzionalità:

  • Inserisci origine dati: inserisce: inserisce nello script una variabile esistente o appena creata.

  • Verifica: convalida la sintassi dello script immessa.

  • Editor di script: apre l'editor, che rende la creazione di script più facile ed efficiente.

Editor di script

NiceLabel 10 fornisce un editor di script che semplifica la creazione di script Python o VBScript senza errori e in tempi brevi.

UUID-ce54344b-81fa-b9a0-d94e-b1301e6bc27a.png

La selezione di linguaggi di script che va usata nell’editor di script differisce tra NiceLabel Designer Pro e Automation Builder:

  • In Designer, fare doppio clic sulla superficie del progetto del modulo per aprire Proprietà modulo > Impostazioni aggiuntive > Linguaggio di script del modulo.

  • In Automation Builder, passare a Elementi di configurazione > fare clic su Modifica per aprire le proprietà del trigger > Impostazioni > Altro > Script.

NiceLabel 10 usa la variante .NET di Python denominata IronPython. Funziona come un’implementazione totalmente compatibile del linguaggio di script Python, che supporta anche i metodi .NET.

La barra multifunzione dell'editor include i comandi utilizzati più di frequente, i quali sono distribuiti su più gruppi funzionali.

  • Il gruppo Appunti fornisce i comandi Taglia, Copia, Incolla ed Elimina.

  • Il gruppo Annulla Ripristina consente di annullare o ripetere le azioni di modifica dello script.

  • Il gruppo File consente di caricare e salvare gli script in un file.

    • Carica da file: carica uno script da un file di testo esterno salvato in precedenza.

    • Salva nel file: memorizza in un file di testo lo script modificato correntemente.

  • Il gruppo Modifica consente di trovare e sostituire le stringhe in uno script.

    • Trova: individua la stringa immessa nello script.

    • Sostituisci: sostituisce la stringa nello script.

  • Gruppo Inserisci:  il comando Origine dati inserisce nello script le origini dati esistenti o appena definite.

  • Gruppo Script: il comando Convalida script convalida la sintassi dello script immessa.

Gli Elementi script disponibili contengono tutti gli elementi di script disponibili e utilizzabili al momento della creazione di uno script. Fare doppio clic sull'elemento oppure fare clic sul pulsante Inserisci per inserire l'elemento nella posizione del cursore all'interno dello script.

Descrizione elemento fornisce informazioni di base sull'elemento dello script inserito.

Elenco errori include gli errori segnalati dopo l'esecuzione del comando Convalida script.

Messaggio

Utilizzare l'azione Messaggio per scrivere stringhe personalizzate (ad esempio, messaggi di avviso personalizzati, valori di variabili e commenti). L'azione del messaggio crea voci personalizzate nei file di registro dell’Automation Manager. I file di registro di Automation contengono informazioni, avvisi e descrizioni degli errori generati dall'applicazione. Utilizzare i registri dei Messaggi per tenere traccia delle variabili dei messaggi durante la configurazione, la risoluzione dei problemi e il debug.

Per configurare le azioni Messaggio, procedere come segue:

  1. Passare a Tutte le azioni e selezionare Messaggio dal menu Azione a discesa.

  2. Rinominare l’azione e inserire la descrizione.

  3. Configurare il Contenuto del messaggio: Acquisizione, Messaggio, e Tipo messaggio.

    Tipi messaggio includono:

    • Informazioni

    • Errore

    • Avvertenza

  4. Espandere Mostra opzioni di esecuzione e gestione degli errori per impostare le condizioni per la visualizzazione dei messaggi, l'ignoranza degli errori e il salvataggio degli errori di Automation nelle variabili.

L’Automation Manager di NiceLabel visualizza messaggi colorati (ad esempio, errori rossi e avvisi arancioni) nel riquadro del Registro di Automation.

Esempio 79. Esempio:

Si stampano delle etichette per pasta con Automation. Il trigger riceve i valori delle variabili dai file CSV generati da ERP. Quando il valore della variabile "Pacchetto" supera 4, il Registro di Automaton crea un avviso.

UUID-b60ba704-43c4-1d2f-b8d0-36d2f43a8c43.png

Configurazione delle azioni dei Messaggi.

Il risultato in Automation Manager è simile a questo:

UUID-0fd41f2d-25c1-6051-b2d2-86c5f744ceff.png

Nota

Quando si imposta la gravità del Messaggio su Errore, i trigger non passano allo stato di errore. La stampa è ancora possibile.

Utilizzare registri di Messaggio per:

  • risoluzione dei problemi di configurazione

  • eseguire il debug delle soluzioni

  • valori di monitoraggio delle variabili selezionate

visualizzazione degli avvisi e dei messaggi di errore personalizzati

Verifica licenza

Questa azione legge la licenza attivata ed esegue le azioni nidificate al di sotto di questa azione solo se viene usato un determinato tipo di licenza.

Suggerimento

L'azione Verifica licenza protegge la configurazione del trigger evitando che venga eseguito su sistemi non autorizzati.

Nota

La chiave di licenza che attiva il software può inoltre codificare l'ID di soluzione. Si tratta del numero univoco che identifica il provider di soluzioni che ha venduto la licenza NiceLabel 10.

Se l'ID della soluzione configurato corrisponde all'ID della soluzione codificato nella licenza, il sistema di destinazione può eseguire le azioni nidificate, limitando l'esecuzione alle licenze vendute dal provider di soluzioni.

I trigger possono essere crittografati e bloccati, in modo tale che solo agli utenti autorizzati sia consentito aprire la configurazione. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Protezione della configurazione dei trigger nella guida dell'utente di NiceLabel Automation.

Il gruppo Informazioni sulla licenza consente di selezionare l'ID della licenza.

  • ID licenza: definisce il numero di ID delle licenze consentite per eseguire le azioni nidificate.

    • Se il valore immesso non è l'ID della licenza codificato nella licenza, le azioni nidificate non vengono eseguite.

    • Se il valore immesso è impostato su 0, se viene trovata una licenza valida, le azioni vengono eseguite.

Nota

L'UID di partner digitale può essere usato anche come ID di licenza. Questa opzione è disponibile per i membri del programma digitale per i partner NiceLabel.

Prova

Informazioni livello di prodotto

Automation Builder le funzionalità richiedono LMS Enterprise.

Questa azione consente di:

  • Monitorare gli errori mentre vengono eseguite le azioni.

  • Eseguire una serie di azioni alternative, se si verifica un errore.

L'azione di prova crea i segnaposto Fare e Su errore per le azioni. Tutte le azioni che dovrebbero essere eseguite qualora un trigger si attivi vanno inserite all'interno del segnaposto Fare. Se non viene rilevato nessun errore al momento dell'esecuzione delle azioni dal segnaposto Fare, queste sono le uniche azioni ad essere eseguite. Tuttavia, se si verifica un errore, l'esecuzione di azioni dal segnaposto Fare si interrompe e l'esecuzione passa alle azioni dal segnaposto Su errore.

Nota

È necessario abilitare Stampa sincrona per rilevare gli errori con Su errore.

UUID-3cce3b0f-703f-8112-8657-b94a17ee1a7c.png

Esempio 82. Esempio

Se qualsiasi azione nel segnaposto Fare non riesce, l'esecuzione dell'azione si interrompe e riprende con le azioni nel segnaposto Su errore. Se Prova venisse posizionato da solo, l'esecuzione del trigger verrebbe interrotta. Nel nostro caso, Prova è nidificato sotto l'azione Per ciclo. Normalmente, qualsiasi errore nel segnaposto Fare interromperebbe anche l'esecuzione dell'azione Per ciclo, anche se vi sono ulteriori passi da eseguire fino al completamento di Per ciclo. In questo caso, non verrà eseguita nemmeno l'azione Salva dati su file. Per impostazione predefinita, ciascun errore interrompe l'intera elaborazione del trigger.

Tuttavia, è anche possibile continuare con l'esecuzione della prossima iterazione nell'azione Per ciclo. Affinché ciò avvenga, abilitare l'opzione di errore Ignora nell'azione Prova. Se i dati del passo corrente in Per ciclo provocano un errore nel segnaposto Fare, vengono eseguite le azioni di Su errore. Dopodiché, viene eseguita l'azione Salva dati su file nel livello 2 e quindi l'azione Per ciclo continua a essere eseguita nell'iterazione successiva.


Suggerimento

Questa azione assicura un agevole rilevamento ed esecuzione degli errori delle azioni di "feedback" o "reporting". Ad esempio, se si verifica un errore durante l'elaborazione del trigger, è possibile inviare l'avvertenza. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Feedback sullo stato del processo di stampa nella guida dell'utente di NiceLabel Automation.

Nota

Importante! L'azione Prova fornisce i risultati previsti con azioni asincrone. Se il ciclo Prova include l'azione Stampa etichetta che non riesce, l'esecuzione dell'azione completa comunque il ciclo Prova e non passa alle azioni Su errore, come previsto. Il risultato del mancato passaggio alle azioni Su errore è l'azione Stampa etichetta che, per impostazione predefinita, viene eseguita in modalità sincrona. Per evitare che ciò avvenga, assicurarsi che la stampa supervisionata sia attivata. Passare alle impostazioni dei trigger > Altro > Feedback dal motore di stampa e attivare Stampa supervisionata.

Ulteriori informazioni sulla stampa supervisionata sono disponibili nella sezione Modalità di stampa sincrona.

Trasformazione XML

Informazioni livello di prodotto

La funzionalità di questa sezione è disponibile in LMS Enterprise.

Questa azione trasforma un documento XML in un altro documento usando le apposite regole di trasformazione. Le regole devono essere fornite da una definizione .XSLT in un file oppure da un'altra origine variabile.

L'azione consente di convertire i documenti XML complessi in documenti XML con una struttura più facilmente gestibile. XSLT indica le "trasformazioni XSL". XSL indica il "linguaggio di foglio di stile estendibile" e funge da linguaggio di fogli di stile per i documenti XML.

L'azione Trasformazione XML memorizza il documento XML convertito nella variabile selezionata. Il file originale resta intatto sul disco. Se si desidera salvare il documento XML convertito, usare l'azione Salva dati su file.

Nota

Normalmente, si usa l'azione per semplificare i documenti XML forniti dall'applicazione host. La definizione del filtro XML per il documento XML complesso potrebbe richiedere un po' di tempo oppure, in alcuni casi, il filtro XML potrebbe risultare troppo complesso per essere gestito. In alternativa, è necessario definire le regole per convertire l'XML in una struttura facilmente gestibile dal filtro XML o addirittura fare a meno di un filtro. È possibile convertire il documento XML in un file XML con supporto nativo, come Oracle XML, e quindi semplificarne semplicemente l'esecuzione mediante l'azione Esegui file di comando Oracle XML.

Suggerimento

L'esempio per questa azione è installato con il prodotto. Per aprirlo, passare a Guida > File di esempio > Trasformazioni XML ed eseguire la configurazione XML Transformations.misx. I dettagli sono disponibili nel file Leggimi.

Il gruppo Origine dati definisce i dati XML da trasformare.

  • Utilizza dati ricevuti dal trigger: stabilisce che vengano usati i dati ricevuti dal trigger. Lo stesso risultato può essere ottenuto attivando la variabile interna DataFileName e usando il contenuto del file al quale essa si riferisce. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Uso di valori composti nella guida dell'utente di NiceLabel Automation.

  • Nome file: definisce il percorso e il nome del file contenente il file XML da trasformare. Viene usato il contenuto del file specificato. Origine dati consente di definire dinamicamente il nome del file. Selezionare o creare una variabile contenente il percorso e/o il nome del file. L'azione apre il file specificato e applica la trasformazione al contenuto del file, il quale deve essere nel formato XML.

  • Variabile: seleziona o crea la variabile che contiene il flusso della stampante. Viene usato il contenuto della variabile selezionata, il quale deve contenere la struttura XML.

Il gruppo Origine dati regole di trasformazione (XSLT) definisce le regole di trasformazione (documento .XSLT) che saranno applicate al documento XML.

  • Nome file: definisce il percorso e il nome del file contenente le regole di trasformazione (.XSLT).

  • Personalizzato: definisce il contenuto personalizzato. È possibile usare contenuto fisso, una miscela di contenuto fisso e variabile oppure solo contenuto variabile. Per inserire un contenuto variabile, fare clic sul pulsante con la freccia a destra dell'area dei dati e inserire la variabile dall'elenco. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Uso di valori composti nella guida dell'utente di NiceLabel Automation.

Il gruppo Salva il risultato su variabile definisce la variabile per memorizzare il file trasformato.

  • Variabile: seleziona o crea una variabile che conterrà il risultato del processo di trasformazione. Es.: se si usano le regole che convertono documenti XML complessi in documenti XML più semplici, il contenuto della variabile selezionata è un semplice file XML.

Gruppo

Questa azione configura più azioni all'interno dello stesso contenitore. Tutte le azioni posizionate al di sotto dell'azione Gruppo appartengono allo stesso gruppo e saranno eseguite insieme.

Questa azione fornisce i seguenti vantaggi:

  • Migliore organizzazione e visualizzazione del flusso di azioni. È possibile espandere o ridurre l'azione Gruppo e visualizzare le azioni nidificate solo quando è necessario. Ciò aiuta a tenere più pulita l'area di configurazione.

  • Definizione dell'esecuzione condizionale. È possibile definire una sola volta una condizione nell'azione Gruppo, non singolarmente per ciascuna azione. Se la condizione è soddisfatta, vengono eseguite tutte le azioni all'interno del gruppo. Questo può consentire di risparmiare molto tempo e di ridurre il numero di errori di configurazione. L'azione Gruppo fornisce un buon metodo per definire le regole di esecuzione IF..THEN per più azioni.

Registra evento

Informazioni livello di prodotto

Automation Builder le funzionalità richiedono NiceLabel LMS Enterprise oppure NiceLabel LMS Pro.

Questa azione registra un evento su NiceLabel Control Center ai fini della cronologia e della soluzione dei problemi.

Nota

Per rendere attiva l'azione Registra evento, assicurarsi che la registrazione del processo di stampa su NiceLabel Control Center sia attivata.

Il gruppo Dati evento fornisce informazioni sull'evento registrato.

  • Informazioni: descrizione di base dell'evento che sarà inclusa nel registro eventi di NiceLabel Control Center. In quest'area sono consentiti fino a 255 caratteri.

  • Dettagli: descrizione dettagliata dell'evento da registrare in NiceLabel Control Center. In quest'area sono consentiti fino a 2000 caratteri.

Suggerimento

Le descrizioni immesse nei campi Informazioni e Dettagli consentono di filtrare gli eventi in Cronologia di tutte le attività, in Control Center. Quando si lavora con Control Center, passare a Cronologia > Tutte le attività > Definire filtro. Per ulteriori dettagli, leggere la Guida dell'utente di Control Center .

Anteprima etichetta

Informazioni livello di prodotto

Automation Builder le funzionalità richiedono LMS Enterprise.

Questa azione esegue il processo di stampa e fornisce un'anteprima dell'immagine dell'etichetta. Per impostazione predefinita, l'anteprima viene salvata su disco come immagine JPEG, ma è possibile scegliere un altro formato di immagine. È anche possibile controllare le dimensioni dell'immagine di anteprima creata. L'azione genera l'anteprima per una singola etichetta.

Dopo aver creato l'anteprima dell'etichetta in un file, è possibile inviare il file a un'applicazione di terza parte usando una delle azioni in uscita, come Invia dati su HTTP, Invia dati alla porta seriale, Invia dati alla porta TCP/IP, oppure usarlo come messaggio di risposta dai trigger bidirezionali, come Trigger servizio Web. L'applicazione della terza parte può prendere l'immagine e mostrarla all'utente come anteprima di etichetta.

Il gruppo Anteprima definisce il file da visualizzare in anteprima e i relativi dettagli.

  • Nome file: specifica il percorso e il nome del file. Se è hardcoded, ogni volta viene usato lo stesso file. Se si usa solo il nome del file senza il percorso, viene usata la cartella con il file di configurazione (.MISX). È possibile usare il riferimento relativo al nome di file, nel quale la cartella con il file .MISX viene usata come cartella principale. L'opzione Origine dati attiva il nome di file di variabile. Selezionare o creare una variabile contenente il percorso e/o nome di file dopo che viene eseguito un trigger. Di solito, il valore rispetto alla variabile viene assegnato da un filtro.

  • Tipo immagine: specifica il tipo di immagine usato per salvare l'anteprima dell'etichetta.

  • Anteprima etichetta retro (etichette fronte-retro): consente di visualizzare l'anteprima del retro di un'etichetta. Questa funzionalità risulta utile quando si usano etichette fronte-retro e si desidera visualizzare l'anteprima del retro dell'etichetta.

Esempio 87. Esempio

Ad esempio, se il modello di etichetta definisce la dimensione come 4" × 3" e risoluzione della stampante di etichette è impostata su 200 DPI, l'anteprima dell'immagine risultante ha dimensioni pari a 800 × 600 pixel. La larghezza è pari a 4 pollici per 200 DPI, per un totale di 800 pixel. L'altezza è pari a 3 pollici per 200 DPI, per un totale di 600 pixel.


Il gruppo Impostazioni aggiuntive consente di attivare l'uso di valori provvisori.

  • Usa valori temporanei: sostituisce i valori dell'origine dati mancanti con valori provvisori e li visualizza nell'anteprima dell'etichetta.

    Suggerimento

    Valore provvisorio definisce un valore di variabile segnaposto in un oggetto durante la progettazione di etichette o moduli. In un oggetto etichette, il valore provvisorio viene sostituito dal valore reale della variabile al momento della stampa.

Crea variante etichetta

Informazioni livello di prodotto

Automation Builder le funzionalità richiedono LMS Enterprise.

Questa azione consente di creare una variante pronta per la revisione di un'etichetta esistente. Gli oggetti etichetta di tali varianti hanno valori di origine dati bloccati. Il loro contenuto è definito dal valore corrente dell'origine dati applicabile.

Lo scopo della creazione di una variante pronta per la revisione di un'etichetta con origini dati “bloccate” è rendere l'etichetta idonea per il processo di approvazione in cui i dati e il modello devono essere approvati insieme. Invece di visualizzare un'etichetta senza contenuto definito per i relativi oggetti, l'approvatore rivede una variante con i valori definiti. Questo gli consente di vedere e approvare rapidamente il layout finale dell'etichetta con i valori reali che saranno usati per la stampa.

Suggerimento

Il processo di approvazione dell'etichetta è applicabile alle etichette memorizzate in Documento di archiviazione di Control Center. È possibile applicare vari tipi di workflow per le etichette e le varianti di etichetta memorizzate. La scelta del workflow di approvazione dipende dai requisiti dell'ambiente del business. Per ulteriori dettagli, vedere la guida dell'utente di NiceLabel 10 Control Center.

Il gruppo Impostazioni definisce il file di etichetta da convertire e il file di output (variante dell’etichetta).

  • Nome etichetta: il nome del file di etichetta da convertire in una variante pronta per la revisione con valori di origine dati bloccati. Origine dati definisce dinamicamente il valore Nome etichetta usando una variabile esistente o appena creata.

  • Origini dati ora stampa: questa opzione consente di definire le origini dati i cui valori saranno forniti al momento della stampa effettiva. Se in questo campo è elencata un'origine dati, il suo valore non viene bloccato e può essere fornito al momento della stampa. Gli esempi tipici sono origini dati per valori di produzione come numero LOT, data di scadenza, ecc.

    Suggerimento

    Inserire solo i nomi delle origini dati, senza parentesi quadre, separati da virgole o elencati in una colonna usando il tasto Invio.

  • Nome file di output: il nome del file di variante di etichetta che sarà pronto per la revisione. Origine dati definisce dinamicamente il valore Nome etichetta usando una variabile esistente o appena creata.

Esistono diverse regole che si applicano alla variante di etichetta pronta per la revisione:

  1. Per impostazione predefinita, i valori dell'origine dati sono bloccati. Per escludere le origini dati evitando che vengano bloccati, elencarli nel campo Origini dati ora stampa per tenerli attivi nell'etichetta pronta per la revisione. È possibile definirne i valori al momento della stampa.

  2. Variabili di contatore, funzioni, campi di database e variabili globali vengono convertiti in variabili non richieste.

  3. La grafica è incorporata.

  4. La variante dell'etichetta di destinazione memorizzata in Documento di archiviazione di NiceLabel Control Center viene automaticamente sottoposta al check-in. Le azioni Nome etichetta e Origini dati ora stampa vengono utilizzate come commento di check-in.

  5. Le varianti di etichetta possono essere aperte in NiceLabel 10 Designer nello stato di blocco.

  6. I file di etichetta generati con questa azione non possono essere importati.

  7. Se le varianti di etichetta sono memorizzate nella memoria della stampante, il comando di richiamo può fornire solo i valori per le origini dati al momento della stampa.

  8. Se si usa NiceLabel Control Center, l'anteprima di etichetta in Documento di archiviazione consente di modificare le origini dati al momento di stampa.

  9. Le variabili dell'ora e della data corrente non possono essere impostate come origini dati dell'ora di stampa nella variante di etichetta pronta per la revisione.